Rinnovato il CCNL Metalmeccanico – Artigianato, Mariani: “Tutela i diritti dei lavoratori garantendo la competitività delle aziende”

Sassari. Assalto a portavalori, per Tramaglino sono 70 mila le guardie giurate non protette a dovere: “E’ un mattatoio, mobilitiamoci”
2 Febbraio 2024
Proteste dei trattori, il Segretario Generale Mariani: “Il governo intervenga sull’incontrollata concorrenza sleale sostenendo i prodotti italiani”
9 Febbraio 2024

Rinnovato il CCNL Metalmeccanico – Artigianato, Mariani: “Tutela i diritti dei lavoratori garantendo la competitività delle aziende”

Bruno Mariani

Il contratto è in vigore fino al 31.12.2026 ed il codice identificativo CNEL per flusso Uniemens è C049

Fesica Confsal insieme a Conflavoro PMI, hanno sottoscritto – rinnovandolo – il CCNL “Metalmeccanico Artigianato” per gli addetti al settore metalmeccanico, appunto, ma che trova nel suo campo di applicazione mestieri e professionalità come quello degli orafi, degli odontotecnici, degli installatori di impianti o dei restauratori di beni culturali, degli incastonatori, degli smaltatori e dei lavoratori di pietre preziose,  per citarne solo alcuni.

Per il segretario generale della Fesica e vice segretario generale della Confsa Bruno Mariani “abbiamo davanti un contratto ben strutturato che può giocare un ruolo chiave anche verso l’esterno nel promuovere un settore metalmeccanico-artigianato più sicuro, più competitivo e più giusto. Si tratta infatti – prosegue Mariani – di un ccnl equilibrato, trasparente e attuabile, perchè tutela i diritti dei lavoratori, garantendo al contempo la competitività delle aziende, è chiaro e facilmente accessibile a tutti gli interessati ed è realistico e applicabile nella pratica; cosa oggi non scontata se andiamo a vedere molti di quelli di settore depositati al Cnel e che ovviamente non ci riguardano”.

“La tutela dei lavoratori è espressa, senza margine di confusione, da un Ccnl che definisce salari minimi per le diverse categorie professionali e livelli di esperienza, garantendo ai lavoratori un compenso adeguato alle loro mansioni. Ma altri due aspetti vanno sicuramente citati: la formazione e la sicurezza sul lavoro, poichè nel primo caso sono incluse norme specifiche con l’obiettivo di ridurre i rischi e gli infortuni; e nel secondo caso c’è la certezza di un corpus che  promuovere la formazione continua dei lavoratori, favorendo l’aggiornamento professionale e lo sviluppo di nuove competenze”.

“Solo per fare un esempio la formazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza potrà essere effettuata anche attraverso piattaforme e-learning del circuito O.P.NA.S.P. sia per la formazione iniziale che per i suoi aggiornamenti. Ma attenzione l’RLS ha diritto, per l’esercizio della propria attività, a permessi retribuiti pari a 8 ore annue. . . ” conclude il segretario generale della Fesica e vice segretario generale della Confsa Bruno Mariani.

                                                                                                                                                                           [SCARICA IL CCNL]  [SCARICA LA SINTESI]