Governo: incontro con sindacati, valuterà proposte contro il caro vita e la tutela dei redditi

“Tutto Ebiten”: l’opuscolo che ti serve per “una giusta consapevolezza della bilateralità tra lavoratori ed aziende”
19 Settembre 2023
Metalservice Benevento, oggi la causa di interposizione di manodopera. Tramaglino: “Imeva ha chiuso ai lavoratori, la Procura farà il suo corso”
25 Settembre 2023

Governo: incontro con sindacati, valuterà proposte contro il caro vita e la tutela dei redditi

Si sono svolti questa mattina, a Palazzo Chigi, gli incontri tra il Governo e le confederazioni sindacali in merito agli interventi volti a calmierare l’inflazione e a tutelare i redditi e il potere d’acquisto dei cittadini. Hanno partecipato, per il Governo, i Sottosegretari alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano e Giovanbattista Fazzolari, il Ministro delle imprese e del Made in Italy Adolfo Urso e il Ministro per la pubblica amministrazione Paolo Zangrillo. Erano presenti i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil, Ugl, CONFSAL, Cisal, Confintesa, Usb, Confedir, Ciu e Cida.

Nel corso delle riunioni, il Governo ha evidenziato che si è registrata in Italia una riduzione dell’inflazione più consistente della media europea e ha illustrato gli effetti delle misure già attuate a sostegno dei lavoratori e dei pensionati.

In particolare il taglio del cuneo fiscale e contributivo, la detassazione dei premi di produttività, la revisione del meccanismo di indicizzazione delle pensioni per gli anni 2023-2024, l’aumento dell’importo dell’assegno unico per le famiglie, il bonus sociale bollette. Il Governo ha raccolto le richieste e le osservazioni pervenute dai sindacati, anche riguardo al rinnovo e al rafforzamento dei provvedimenti già attuati, e ha assicurato l’intenzione di effettuare le valutazioni tecniche e finanziarie necessarie sulle misure con impatto sui conti pubblici. Inoltre, è stato concordato di lavorare, anche con gli altri ministri competenti, al fine di assicurare il coinvolgimento dei sindacati nel monitoraggio dei prezzi, anche a livello regionale.