Quando il lavoro agile soddisfa tutti: anche all’Ater di Gorizia esempi virtuosi di una corretta conciliazione d’intenti tra datore e dipendente

Elezioni, Vivarelli: “Nessun partito parla di lavoro e precariato, la politica si svegli, l’Abruzzo è in ginocchio”
12 Settembre 2022
Rischiare la vita per una paga misera: l’eroismo delle guardie giurate ed il lassismo di tutti
12 Settembre 2022

Quando il lavoro agile soddisfa tutti: anche all’Ater di Gorizia esempi virtuosi di una corretta conciliazione d’intenti tra datore e dipendente

“Sono molto contenta di aver chiesto ed ottenuto l’indennità e il cellulare aziendale per la connessione”.

E’ questo il commento della RSA Fesica allAter di Gorizia Raffaella Peric dopo un accordo aziendale sullo smart working avanzato dalla nostra Federazione ed avallato dal Direttore dell’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale di Gorizia che, a tempo indeterminato (fatto salvo l’eventuale diritto di recesso di entrambe le parti), ha concesso a lei – e tutti i dipendenti – secondo quanto poteva richiedersi in forza del Ccnl Federcasa nel rispetto di un accordo aziendale in materia sottoscritto proprio recentemente.

Già dall’1 settembre, un decreto semplificherà l’iter per i datori di lavoro di attivare più agevolmente il lavoro agile, ma il dato incontrovertibile è quello che il regime di smart working prende sempre più più piede anche in Italia fino a qualche anno fa Paese fanalino di coda sulla reale applicazione di uno strumento eccezionale, sempre più moderno, che aiuta il dipendente e che allo stesso tempo – dati alla mano – aumenta la produttività e fa risparmiare il datore di lavoro.

La Peric come tutti coloro che godono dell'”agilità lavorativa”, certamente sono tenuti a seguire le norme di riferimento e raccomandazioni varie come l’installazione delle patch di sicurezza del proprio sistema operativo, conservare le password in modo protetto, rispettare tutte le norme di sicurezza come in ufficio o rientrare nel più breve tempo possibile presso la sede di lavoro ove circostanze impreviste ed urgenze lo prevedano.

Se la pandemia da coronavirus ha portato ad un’emergenza incalcolabile, ha però sicuramente contribuito inaspettatamente ad accelerare i processi di digitalizzazione nel nostro Paese ed a far capire il reale valore del lavoro agile insieme ad i suoi effetti positivi.

In Ater Gorizia Fesica casa è il sindacato più rappresentativo.