Semplificazione del lavoro agile, ecco cosa cambia dall’1 settembre. Leggi il decreto e scarica la comunicazione di accordo

Casa di cura “De Bernardinis” di Teramo, l’intervento del segretario Vivarelli alla vigilia della visita di Papa Francesco in Abruzzo
28 Agosto 2022
Energia, Mariani (Confsal): “Rivedere il Pitesai per utilizzare 300 mld di gas domestico, essere autosufficienti e salvare il lavoro”
30 Agosto 2022

Semplificazione del lavoro agile, ecco cosa cambia dall’1 settembre. Leggi il decreto e scarica la comunicazione di accordo

lavoro agile

Per i datori di lavoro del privato e del pubblico impiego sarà disponibile, dal 1° settembre, un modulo ad hoc attraverso il portale Servizi Lavoro accessibile tramite autenticazione SPID e CIE. 

 

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali ha emanato il decreto ministeriale di attuazione della norma contenuta nel Dl Semplificazioni, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 19 agosto, con cui si prevede che il datore di lavoro comunichi in via telematica al Ministero del lavoro e delle politiche sociali i nominativi dei lavoratori e la data di inizio e di cessazione delle prestazioni di lavoro in modalità agile.

Come da decreto, le istruzioni operative per la comunicazione semplificata del lavoro agile, dovranno:

avvenire in modalità telematica, compilando il nuovo modello disponibile (di seguito il fac-simile e le istruzioni per la compilazione), tramite i servizi online del Ministero del lavoro accedendo con SPID e CIE al sito https://servizi.lavoro.gov.it/Public/login?retUrl=https://servizi.lavoro.gov.it/&App=ServiziHome;

riportare i nominativi dei lavatori e la data di inizio e di cessazione delle prestazioni di lavoro in modalità agile, senza necessità di allegare gli accordi stipulati.

Le disposizioni si applicano a tutti gli accordi individuali stipulati o modificati a partire dal 1 settembre 2022, che dovranno essere conservati per 5 anni dalla data di sottoscrizione. E’ previsto in alternativa alla modalità web l’invio massivo per il quale occorre effettuare una specifica richiesta di contatto tramite un form online disponibile nell’URP del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.