Manovra: Cdm, 3 mld per gli ammortizzatori sociali

Dirigenti sindacali e rappresentanti territoriali: Ecco la formazione di … STILE!
26 Ottobre 2021
Mancini sulla Manovra: “Questa governance sui Fondi mette a rischio la libertà sindacale”
4 Novembre 2021

Manovra: Cdm, 3 mld per gli ammortizzatori sociali

I Ministri Franco e Orlando con il Presidente del Consiglio Draghi durante la conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri n.44.

Il Consiglio dei Ministri si è riunito ieri, alcune novità sul lavoro

Con una spesa di circa 3 miliardi di euro nel 2022 si dà attuazione alla riforma degli ammortizzatori sociali, con un aumento dei sussidi di disoccupazione e un’estensione degli istituti di integrazione salariale ordinari e straordinari ai lavoratori di imprese attualmente non inclusi, nonchè agli apprendisti e ai lavoratori a domicilio. Sono previsti incentivi all’utilizzo dei contratti di solidarietà e la proroga per il 2022 e il 2023 del contratto di espansione con l’estensione a tutte le imprese che occupano più di 50 dipendenti. Il congedo di paternità di 10 giorni viene reso strutturale.

Inoltre è previsto il finanziamento permanente del Bonus Cultura per i diciottenni. Sono estesi per tutto il 2022 gli incentivi fiscali previsti per l’acquisto della prima casa da parte degli under36 e finanziati il Fondo affitti giovani e il Fondo per le politiche giovanili.

 La legge di bilancio per il 2022 si muove sulle coordinate delineate dalla Nota di aggiornamento al Def, che prevedono la prosecuzione di una politica di bilancio espansiva per sostenere l’economia e la società nelle fasi di uscita dalla pandemia da Covid-19 e di aumentare il tasso di crescita nel medio termine, rafforzando gli effetti degli investimenti e delle riforme previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. La legge di bilancio si articola in diversi interventi che puntano a rafforzare il tessuto economico e sociale, sostenendo la crescita e la competitività dell’economia italiana.

  1. [Tutti i punti di intervento]
  2. [Il video della Conferenza stampa ]

La legge di Bilancio, secondo quanto si apprende, dovrebbe essere trasmessa al Parlamento la prossima settimana: dopo il via libera del Consiglio dei ministri il testo – nella bozza di 185 articoli – è tornato nelle mani dei tecnici per le ultime modifiche e per le verifiche sui conti. Una volta bollinato, il ddl sarà inviato al Senato, da dove inizia quest’anno la sessione di bilancio. Sempre a Palazzo Madama è in corso anche l’esame del decreto fiscale collegato alla manovra.