Lavoro. Massofisioterapisti, la Fesica Confsal rilancia la lotta della categoria

A La Loggia (To), sottoscritto nuovo accordo aziendale, Metta: “Disciplinati gli scatti di merito ed introdotto il welfare”
15 Ottobre 2020
RAPPRESENTATIVITA’, SENTENZA TRIBUNALE NOLA 2017
22 Ottobre 2020

Lavoro. Massofisioterapisti, la Fesica Confsal rilancia la lotta della categoria

 “Il TAR Lazio, con l’ultima ordinanza del 13.10.20, ha disposto l’integrazione del contraddittorio   chiedendo ai ricorrenti di far conoscere l’esistenza del ricorso a tutti i MFT iscritti al Tsrm che potrebbero essere interessati da una sentenza di accoglimento, escludendo altre categorie e soggetti che hanno sempre remato contro i massofisioterapisti”.

Ad annunciarlo sono il Segretario generale della Fesica Confsal Bruno Mariani ed il Segretario Nazionale del comparto massofisioterapico, olistico e del benessere Carmine Camicia a margine di un incontro con l’avvocato della Fesica Confsal Paola Petri.

“Rendiamo noto a tutti gli interessati che l’ordinanza cautelare di accoglimento e la relativa conseguenza di questa, consente a tutti i Massofisioterapisti non iscritti al Tsrm di poter proseguire la propria attività professionale in attesa della definizione della vicenda. In questi giorni i legali della Fesica Confsal – spiegano Mariani e Camicia – in ottemperanza a quanto previsto dall’ordinanza, stanno provvedendo a notificare, al Ministero della Salute ed al Tsrm  il ricorso, per pubblici proclami. Nella prossima udienza che si terrà il 4 maggio 2021, la Fesica Confsal è convinta che il Tar possa definire positivamente la controversia, risolvendo l’annosa vicenda”.

Come si ricorderà gli effetti della legge 145/18 avevano ingiustamente delegittimato migliaia di massofisoterapisti a proseguire la loro attività professionale e pertanto la Fesica Confsal intervenendo con un ricorso al Tar del Lazio ha ottenuto, in prima battuta, la sospensione della legge, sospensiva che tuttora permane.

 “La Fesica Confsal a breve – concludono Bruno Mariani e Carmine Camicia – chiederà un incontro con il presidente della Conferenza Stato – Regioni Stefano Bonaccini, affinché, come richiesto dai giudici del Tar, si possa trovare un accordo tra Stato e Regioni che determini, prima di maggio, soluzioni atte a definire l’annosa questione”.