La contrattazione collettiva per attutire alcune rigidità del Dl 87/2018

Saxa Gres salva l’ex Cbs, tutelati anche i 13 lavoratori assistiti dalla Fesica Confsal
17 Giugno 2019
Puglia. Lavoro e bandi: Il consigliere regionale Laricchia interviene dopo le segnalazioni della Fesica
20 Giugno 2019

La contrattazione collettiva per attutire alcune rigidità del Dl 87/2018

Contratti collettivi nazionali e aziendali e contratti di prossimità per derogare alla stretta sul lavoro a termine introdotta dal Dl 87/2018. Sono le due strade che si stanno affermando per arginare alcuni effetti del provvedimento in vigore dal 14 luglio 2018, che ha costretto le imprese a rivedere interamente i propri piani di gestione del lavoro flessibile.

La contrattazione collettiva ha cercato di attutire alcune rigidità, seguendo due livelli di intervento:

● sono stati usati i rinvii che la legge opera in favore della contrattazione di primo e secondo livello;

● hanno iniziato diffondersi i “contratti di prossimità”, ovvero gli accordi aziendali in deroga alle norme di legge, disciplinati dall’articolo 8 della legge della legge 148/2011 (di conversione del Dl 138/2011).

Si collocano nel primo filone i Ccnl intervenuti sugli istituti che la legge – anche dopo il Dl 87/2018 – assegna alla contrattazione collettiva, come la durata massima dei rapporti a termine, i limiti quantitativi e l’individuazione del lavoro stagionale. 



estratto/sintesi dal Quotidiano del lavoro del 17 giugno 19′