Mancini (Fesica C.): “Cancellazione nota INL, solo l’inizio di un riconoscimento di libertà sindacale”

Attivata convenzione Fesica Confsal – Assocral
26 agosto 2018
Storture. Fesica scrive all’ITL di Torino per l’errata dicitura apposta sui verbali di conciliazione
28 agosto 2018

Mancini (Fesica C.): “Cancellazione nota INL, solo l’inizio di un riconoscimento di libertà sindacale”

“Non devono più esistere rendite di posizione sindacale, tanto meno se non si combatte più per chi si tutela, ma solo per se stessi”

“La cancellazione della nota del 20 giugno comparsa sul sito dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, annuncia Alfredo Mancini, Vice segretario generale di Fesica Confsal, è solo l’inizio di un percorso verso il riconoscimento dell’effettività del pluralismo sindacale. La nota dell’INL, infatti, col ‘riconoscimento’ dei soli CCNL delle ‘maggiori sigle sindacali’, aveva generato solo confusione tra gli addetti ai lavori, senza che se ne riscontrasse alcun fondamento giuridico alla base”.

“Inoltre, la nostra Federazione, – prosegue Mancini – sta inviando comunicazioni alle ITL che acquisiscono con riserva le conciliazioni in sede sindacale, specificando che la FESICA CONFSAL è sindacato maggiormente rappresentativo, presente in tutte le regioni e province italiane, sottoscrive numerosissimi CCNL ed è, tramite la CONFSAL, presente nel CNEL. La cancellazione della nota in questione ci fa ben sperare sulla prossima posizione ufficiale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; per noi il mondo del lavoro e dei corpi intermedi non deve più essere trattato in questo modo”.

“Le nostre lotte, – spiega Mancini – da sempre sono contro il dumping contrattuale ed a favore della dignità e del benessere dei lavoratori e conseguentemente delle imprese. Il pluralismo sindacale, a parità di regole, permette che i sindacati concorrano su ulteriori acquisizioni di diritti dei lavoratori, pensionati, cittadini in genere. Non devono più esistere rendite di posizione sindacale, tanto meno se non si combatte più per chi si tutela, ma solo per se stessi”, conclude il Vice segretario generale della Fesica Confsal Alfredo Mancini.